Corsi di inglese online con skype – seconda lezione principianti

Sono aperte le iscrizioni ai corsi online con skype, potete contattarmi con un messaggio sotto questo post o scrivere a ingliscprof@hotmail.it

Le lezioni si svolgono in piccoli gruppi di massimo 5 persone e hanno due livelli

principianti e intermediario

i materiali sono tutti fortini GRATUITAMENTE dalla prof e sono in parte risorse online.

Come esempio di lezioni pubblico qui sotto il programma della seconda lezione principianti

2. My name is…

Obiettivi:

presentarsi e presentare un’altra persone, fare lo spelling;

conoscere il lessico relativo alla famiglia;

1. ascolta e ripeti l’alfabeto http://www.languageguide.org (passa il mouse sulle lettere, ascolta e ripeti)

 

2. video presentarsi, fare lo spelling http://www.real-english.com

  • Excuse me, what is your name?
  • Can you spell your name?
  • Hi, I’m
  • I’m from…
  • Can you introduce your friends to us?
  • This is my brother-in-law
  • This is my husband
  • This is his wife

 

3. espressioni utili http://www.myenglishpages.com (presentarsi e presentare gli altri + un dialogo)

 

  •  My name is …
  • I’m ….
  • Nice to meet you; I’m …
  • Pleased to meet you; I’m …
  • Let me introduce myself; I’m …
  • I’d like to introduce myself; I’m …

 

4. lessico sulla famiglia http://www.learn-english-online.org (una famiglia inglese si presenta)

esercizi a (riordina le parole)

esercizi b alcune pagine di esercizi NON interattivi

 

 

Corsi di inglese online cosa sono e come funzionano

I corsi di inglese online con skype sono semplici da seguire perché tutti i materiali usati sono comodamente raggiungibili con un click.

L’insegnante organizza i materiali, li riordina e li presenta durante la lezione.

Avrete l’opportunità di parlare, di ascoltare, di scrivere e di svolgere esercizi di vario tipo, interagendo con l’insegnante e con gli altri studenti della classe.

Come esempio la prima lezione principianti

1. Hello everybody!
Obiettivi:
salutare in maniera formale e informale
1. salutare e chiedere come stai http://www.helping-you-learn-english.com (ascoltare, ripetere, parlare)

  • hi
  • hello
  • good morning
  • good afternoon
  • good evening
  • how are you
  • I’m fine/tired/hungry/cold
  • How is it going? It’s going great/ok/good
  • bye
  • see you later
  • goodbye
  • see you soon

2. incontrarsi e salutare http://www.tolearnenglish.com
(saluti formali e informali + un esercizio di completamento)

  • good morning
  • good afternoon
  • nice to meet you
  • how are you? Fine tanks, how about you?
  • Have a nice day/evening/weekend.
  • Hi, how are you doing?
  • I’m good/ok…how about you?’
  • Take care/take it easy.

3. video lezione di EnglishMeeting su youtube (particolare attenzione è data all’intonazione)

  • hi/hello/hey/yo
  • How are you?
  • How is it going?
  • How’ve you been?
  • What’s new?
  • What’s up?
  • What’s going on?
  • Good morning
  • Good afternoon
  • Good evening

Dialogue 1 (esempio di dialogo da recitare in coppia, gli studenti sono invitati a produrne di nuovi sullo stesso schema)
– Hi … good morning!
– Good morning …. How are you?
– I’m fine, thank you. How about you?
– I’m ok. Have a nice day!
– You too. Goodbye!
– Bye!
4. tabella riassuntiva su salutare e rispondere in maniera formale e informale
5. una canzone  http://www.englishexercises.org (Beatles – Hello, Goodbye + 2 esercizi)
You say “Yes”, I say “No”.
You say “Stop” and I say “Go, go, go”.
Oh no.
You say “Goodbye” and I say “Hello, hello, hello”.
I don’t know why you say “Goodbye”, I say “Hello, hello, hello”.
I don’t know why you say goodbye, I say hello.
I say “High”, you say “Low”.
You say “Why?” And I say “I don’t know”.
Oh no.
You say “Goodbye” and I say “Hello, hello, hello”.
I don’t know why you say “Goodbye”, I say “Hello, hello, hello”.
(Hello, goodbye, hello, goodbye. Hello, goodbye.)
I don’t know why you say “Goodbye”, I say “Hello”.
(Hello, goodbye, hello, goodbye. Hello, goodbye. Hello, goodbye.)
Why, why, why, why, why, why, do you
Say “Goodbye, goodbye, bye, bye”.
Oh no.

 

Corsi di inglese con skype

CORSI DI INGLESE british flag ONLINE CON SKYPE my picture

I corsi di inglese online ti permettono di imparare l’inglese o di migliorarlo comodamente da casa tua.

Tutto ciò di cui hai bisogno è un
– una connessione internet
– set cuffia microfono (non necessario se si ha un portatile)
Skype, programma gratuito scaricabile da qui

I livelli
i corsi sono di due livelli

principianti (20 lezioni da 45 min)

  • salutare e presentarsi;
  • le professioni;
  • il tempo libero;
  • dire ciò che ci piace;
  • dire che cosa si sa fare e non si sa fare;
  • raccontare avvenimenti al passato;
  • parlare del futuro;

intermedio (20 lezioni da 45 min)

  • presentarsi;
  • parlare di sé, gusti, interessi, professione etc;
  • raccontare la propria giornata;
  • raccontare avvenimenti passati;
  • parlare del futuro, fare previsioni;
  • fare ipotesi.

I costi
Un corso di 20 lezioni costa 100€

Le classi
le classi prevedono un numero minimo di 3 studenti e un numero massimo di 5, per garantire una partecipazione soddisfacente a tutti.

I materiali
sono forniti gratuitamente dall’insegnante e sono in parte risorse online.

Il calendario dei corsi
corso principianti:
– dal lunedì al venerdì dalle ore 20 alle 20 e 45 da lunedì 23 luglio fino ad esaurimento delle lezioni
corso intermedio
– dal lunedì al venerdì dalle ore 21 alle ore 21 e 45 da lunedì 23 luglio fino ad esaurimento delle lezioni

giorni e orari SONO modificabili a seconda delle esigenze, se sarà possibile formare gruppi di almeno 3 persone

rispondendo a questa email specifica quali giorni della settimana e quale orario preferisci (anche diverso da quello specificato nel calendario dei corsi)

per maggiori informazioni, programmi più dettagliati, chiarimenti etc non esitare a CONTATTARMI

Regione Sardegna, bando beffa.

Ho partecipato al bando Impresa Donna indetto dalla regione Sardegna per il finanziamento di nuove idee imprenditoriali.

Pensate un po’ che uno dei criteri di valutazione della proposta di impresa era l’orario di spedizione della domanda! Sì davvero, chi la spediva per prima aveva diritto di precedenza, come alle olimpiadi.

Peccato però che la matina del 17 ottobre, alle ore 10.00 le nostre care poste avevano la linea bloccata, a causa di questo black out (che tra l’altro è avvenuto in tutta la Sardegna) la mia domanda è partita alle 10 e 43.

Ma ce ne sono ben 480 che sono partite alle 10.00. Come sarà stato mai possibile?

Volete conoscere la risposta? Leggete il seguito del post dove riporto esattamente la telefonata ad un funzionario regionale (tra parentesi i miei commenti)

– vorrei sapere come è stato possibile che più di 400 domande siamo partite alle 10.00 molte anche dalla mia zona quando le poste erano bloccate.
– signora, non esistono solo le poste pubbliche, sa, esistono anche quelle private! (sottointeso: non è colpa mia se lei è una povera ignorante, sprovveduta e poco vissuta, che se ne va all’ufficio postale del paesello suo sperduto…)
– quindi lei mi sta dicendo che il 17 ottobre sono partite dagli uffici postali privati più di 400 domande…
– noooo, non le sto dicendo questo.
– allora da dove sono partite?
– ne sono partite molte dagli uffici postali pubblici.
– tutte timbrate in automatico…
– non saprei… non proprio tutte…
– sono o non sono tutte timbrate in automatico?
– no
– ma lei le ha viste?
– alcune le ho viste timbrate in automatico
– ma ne ha visto anche con l’orario scritto a mano.
– sì, certo.
– quindi avete accettato immagino la stragrande maggioranza di domande con l’orario scritto a mano.
– guardi che è perfettamente legale anche l’orario scritto a mano! (sottointento: cosa credi che sia scemo e che non sono preparato a risponderti? pfui se insisti te lo faccio vedere io chi siamo!)
– un orario scritto a mano le sembra un criterio di valutazione decente?
– i nostri legali (mica IL NOSTRO, i nostri! perché loro ne hanno molti! mica come noi povere sfigate disoccupate che al limite piangiamo con la mamma ed è molto se ce ne possiamo pagare uno in cento) ci hanno assicurato che è perfettamente lecito accettare domande con l’orario scritto a mano! (sottointeso: hai insistito tu! mo’ beccati questo!)
– può darsi che sia legale… ma dal punto di vista MORALE, non mi sembra giusto escludere delle persone solo perché gli impiegati degli uffici dove sono andate loro NON HANNO NEMMENO PRESO IN CONSIDERAZIONE l’idea di scrivere l’ora A PENNA, sa in epoca di computer uno si immagina che voi scegliate un criterio del genere perché sapere che NON SI PUO’ BARARE SULL’ORARIO visto che è tutto automatico.
– abbiamo scelto questo criterio per ragione di tempo, sa quante domande sono arrivate? 3000! una commissione di tre persone ci avrebbe messo DUE ANNI  a leggerle tutte!
– Pagatevi meno avvocati e allargate la commissione…
– Avremmo potuto anche scegliere di estrarre a sorte, cosa crede, è già stato fatto sa?
– Bene lei mi sta dicendo che la cosa migliore che possiamo fare  è affidarci alla nostra buona stella! Questo è il suggerimento migliore che lei ha da dare a 3000 disoccupate, che magari INGENUAMENTE, credevano davvero che qualcuno le avrebbe prese in considerazione come PERSONE.
– Senta, io spero che l’assessore ci butti dentro altri due o tre milioni (eja anche io parlo così dei milioni) così possiamo almeno valutare quelle arrivate il 17 (si gioca la sua ultima carta quella dell’imbonimento, vediamo se sventolandole in faccia un paio di milioncini)
– Magari quelle arrivate il 17 e spedite in AUTOMATICO. le uniche su cui si possa essere veramente certi dell’orario.
– Guardi che c’è anche la possibilità che quelle arrivate alle 10.00 facciano tutte schifo. (su non si butti giù vedrà che la sua proposta è la più carina, basta che la smetta di stressare)
– Non ci resta che fare ricorso, ma visto che voi avete i vostri legali…
– Putroppo è andata così.
– Purtroppo l’avete fatta andare così, e contro una delle categorie più deboli, che dovreste avere la funziona di aiutare non di demoralizzare.
– Senta…
– Mi basta così, ho capito tutto, arrivederci.