La Sorbonne, un gelato?

– Timo, sto facendo francese, mi aiuti?

– Sentiamo…

– Che cosa è il bac?

– Il diploma.

– E il diplôme allora???

– Vedi, Tonia, la cosa risulta un po’ complicata, perché funziona diversamente da qui. Stai studiando il sistema scolastico francese?

– Oui.

– Bene, allora leggilo tutto e arriva all’università, perché è lì che si capisce cosa è il baccalauréat.

– ?

– Il bac.

C’è solo il liceo.

– Il testo non parla di università?

– No.

– Allora lo cerco su Internet. ‘spe.

– MA IO VOGLIO SOLO SAPERE COSA E’ IL BAC!!!!!

– OH, TONIA! Ti ho detto che c’entra con l’università, se non ci chiariamo le idee…

– MA L’UNIVERSITA’ NON C’E’!!!

– Non c’è nel tuo testo, ma su Internet…

– NON C’E’ IN FRANCIA!

– Ma cosa stai dicendo?

– Se non c’è qui, vorra dire che non c’è l’università in Francia, NOOOOO????

– BON DIEU DE LA FRANCE, TONIA! Ma le senti le scemenze che dici, o ti tappi le orecchie così le sento solo io?

– Perché, tu sei sicura che in Francia c’è l’Universita?

– Forse, forse, l’università in Francia ESISTE dal medioevo.

– Sei sicura?

– MA TONIA,  MA SECONDO TE E’ POSSIBILE CHE IN FRANCIA NON CI SIA L’UNIVERSITA’???

– E che ne so io?

– Non ci sono medici, avvocati, professori…

– Magari in Francia basta il liceo…

– Allora mi sa che ci trasferiamo…

 

Tonia e i miglioramenti in ortografia

– Timo, ho preso ottimo in storia, seconda guerra mondiale!

– BRAVISSIMA Tonia, finalmente! Visto quanto ci abbiamo lavorato…

– Ho fatto solo un errore di ortografia.

– Solo??? PURE BRAVA IN ORTOGRAFIA SEI DIVENTATA!

– Sì.

– Che errore?

– Io avevo scritto “insieme” tutto attaccato e il prof me lo ha corretto staccato.

– Non so di chi sia il problema e dove stia esattamente, ma ritiro il brava in ortografia…

Tonia e Tonia junior

– Tonia, la nostra maestra di XXX non ci spiega nulla, legge e basta.

– Hmmm…

– E quando ci interroga guarda le risposte nel libro!

– Junior, questo non vuol dire che non le sappia, magari controlla per vedere che cosa si deve aspettare da voi.

– OH TONIA, SE LEI NON SPIEGA IO NON IMPARO!

– Devi fare così, vai e le dici: senta professoressa io non ho…

– PRIMO, IO HO MAESTRE, NON PROFESSORESSE

– Eh, vabbeh…

– SECONDO IO NON LE DO DELL’ESSA!

– Del lei, Junior, si dice dare del lei…

– Comunque, io non glielo dico.

– Fai come vuoi, a me cosa mi cambia?

– CHE CIAI UNA CUGINA INGNORANTE!

La violenza della guerra

– Timo, i kamikaze erano gli americani.

– Tonia, i kamikaze erano giapponesi.

– Ma lo hai letto bene??? Erano americani.

– Giapponesi, ma non lo senti che è una parola giapponese?

– Timo, dal libro si capisce che erano americani.

– Tonia, ma secondo te gli americani si suicidano lanciandosi sugli obiettivi dei nemici? Ma quando mai hai sentito una cosa simile in tutta la storia degli Stati Uniti???

– Qui c’è scritto americani.

– TONIA, ERANO GIAPPONESI, GIAPPOOOONEEESIIIII!!!

– Eh, Timo, però non fare così, mi sembri Hitler…

Morto?


– […] Mussolini fu fucilato […] Timo, fucilato? Ma muore?

– Tonia, no. Lo hanno portato in ospedale, otto ore sotto i ferri, una settimana in rianimazione…. CERTO CHE MUORE, LO HANNO FUCILATO PER UCCIDERLO!

–  […] il suicidio di Hitler […] nel senso che muore?

– Tonia, muoiono! Ma come te lo dovevano scrivere per fartelo capire, col sangue???