Testi a confronto

Non so voi, ma io la prima volta che ascolto una canzone mi concentro sul testo (se è in italiano, se è in inglese mi concentro sul testo almeno le prime venti volte…)

Perciò, la prima volta che ho sentito la nuova canzone di Gigi d’Alessio, mi sono venuti i brividini, e vi assicuro non di piacere. Vi confesso che mi sono persino imbarazzata per lui, io non ci sarei mai riuscita a dire cose del genere seriamente… “nel castello la mia principessa sei tu, sei un cavallo che aspetta qua giù per volare lontano lassù” ma ho capito bene???

Super amore

Scriverò per te, sopra i muri delle città
il tuo nome che in un cuore batterà .
scriverò per te, nel cielo azzurro che da lassù,
un ti amo, che solo dio può buttare giù,
scriverò per te ai carabinieri alla polizia
denuncerò che solo tu sei la vita mia,
scriverò per te, i treni fermi alla ferrovia,
ogni giorno una frase di una poesia.
perché …questo super amore mi fa solo pazzo di te,
incurabile malattia
che mi prende ogni volta in un bacio da quando sei mia,
lo sai… che il tuo amore mi rende più forte di un supereroe,
volerà per portarti via,
gireremo abbracciati sul mondo lasciando una scia
e per tutti il suo corpo di luna sarà una magia,

ruberò per te, quella cometa che sta lassù
comprerò un pianeta di rose blu,
scriverò per te nell’universo che è intorno a  noi
cuore mio giuro che non ti lascio mai…
perché questo super amore mi fa solo pazzo di te,
incurabile malattia
che mi prende ogni volta in un bacio da quando sei mia,
questo film a colori che ho scritto per te
E’ il regalo d’amore più grande che c’é,
nel castello la mia principessa sei tu,
sei un cavallo che aspetta qua giù
per volare lontano lassù,
perché questo super amore mi fa solo pazzo di te,
incurabile malattia
che mi prende ogni volta in un bacio da quando sei mia,
lo sai il tuo amore mi rende più forte di un super eroe,
volerò per portarti via
gireremo abbracciati sul mondo lasciando una scia…

Come antidoto a certe spremute di poesia vi invito invece a leggere ed ascoltare questa di Daniele Silvestri, che di banale ha solo il titolo, ma per poco!

A Me Ricordi Il Mare

A me ricordi il mare
e non per le vacanze
che abbiamo fatto insieme
Ma per il tuo ondeggiare
tra il gesto di chi afferra
e quello di chi si trattiene
Ci sono validi motivi per cui dovrei evitare di dirtelo
ma dal momento che mi scrivi dirò
che l’ho capito da subito
perché sei?
perché sei tu che quando arrivi sorridi
e a me mi gira benissimo
e sempre tu che se decidi ti giri
e mi pugnali in un attimo
così succede che mi pare che va bene
e invece non va
e se migliora allora peggiorerà
oppure
sono sicuro che va male arrivo di là
e te lo dico tu mi dici ‘ma va’?
e ancora
a me succede che va bene
e invece non va
e se migliora allora peggiorerà
oppure
sono sicuro che va male arrivo di là
e te lo dico tu mi dici ‘ti va’?
ma io così non vado avanti
Mi ricordi il mare
non per i riflessi
per il sugo andato a male
il qualunquismo dei discorsi
sotto l’ombrellone
il sudoko che non torna
e quello che era scritto a penna
è già da cancellare
è come l’amore
va di tasca in tasca come l’accendino vuole
ti ritorna quando non hai niente da appicciare
se escludiamo il poco che rimane
ancora ancora ancora
Baci, baci ed abbracci
che diventano lacci
e più diventano stretti
più nascondono impicci
come un cane ti accucci
sui tuoi poveri stracci
e piano piano vai giù
come un programma di Socci
piano piano vai giù
ma poco dopo risorgi
solo che non ti accorgi
dei sorrisi posticci
dei pensieri che scacci
delle cose che lasci
per banali capricci
Mi ricordi il mare
Non per gli ombrelloni
Per la fila in tangenziale
Il malfunzionamento del mio condizionatore
la discesa libera sui sassi senza aver le scarpe
per fare i fricchettoni
Questo è un po’ il sapore
del tutto compreso
inclusa la consumazione
io l’ho già bevuta
eppure ho ancora troppa sete
soprattutto quando tu mi uccidi
ancora ancora
Quello di chi si trattiene
a me ricordi il mare
e non per le vacanze
che abbiamo fatto insieme
ma per il tuo ondeggiare
tra il gesto di chi afferra
e quello di chi si trattiene

Annunci

6 commenti su “Testi a confronto

  1. Di solito quando si dice una cosa del genere almeno andrebbe detto “dove” e “perché”. Poi non mi è chiaro cosa abbia di tanto diverso l’altro testo. Sono due testi romantici.

  2. A volte ho l’impressione che quando diventano famosi smettono di sforzarsi, o forse sono circondati solo da persone che qualsiasi cosa facciano esclamano estasiati “bello!”. ma uno del suo staff che gli consigli di cercarsi un paroliere, no?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...